martedì 11 gennaio 2011

Unica soddisfazione della giornata: scambiare il moroso dell'informatica per un pazzo.

Il problema, l'ho capito oggi, è l'avere il neurone attivo.
Per viver tranquilli nel proprio brodo primordiale, per veleggiare sulle groppe altrui seraficamente, per aver un sorriso stampato sul musetto grazioso, bisogna esser sforniti di consistente attività intellettiva.
Altrimenti non si spiega perchè devo passar le mie giornate ad arrabattarmi fra mille cose da fare da imparare da insegnare.
Altrimenti non si spiega perchè devo incazzarmi come un caimano affamato per essere considerata meno di una pulce d'acqua (che manco il caimano incazzato noterebbe, notare la finezza del paragone - ma esistono le pulci d'acqua o è un'invenzione di Branduardi?).
Altrimenti non si spiega perchè io devo subir paternali infinite sul funzionamento del sistema nuovo, devo subir rimbrottamenti per aver osato imbastire una pratica senza chiedere aiuto, devo subir i svolazzanti leccaggi di chi è a-neuronico.
Il problema è avere il neurone attivo ed usarlo. E non ci si può far niente. Chè di abbassarmi ai livelli altrui non ci penso proprio. Anzi, anche se ci pensassi, probabilmente non ci riuscirei.
Sia come sia, mia madre, vistami particolarmente urtata in questi giorni, ha pensato bene di acconciarmi la zazzera ad hoc.
Una scodella da fraticello rincoglionito che ne Il nome della rosa avrei fatto sfaville.

8 commenti:

  1. Wow, avrei voluto viverci io, ne Il nome della rosa.

    RispondiElimina
  2. Vogliamo vedere il nuovo taglio!!!

    RispondiElimina
  3. 1) ricorda che la pulce d'acqua che lo sa l'ombra ti renderà... quel disco lo conosco a memoria, ci sono cresciuto, cantavo ballo in fa diesis minore che avevo 7-8 anni... tutti intorno a me si toccavano (senza intenti lubrichi) e facevano scongiuri, chissà come mai...
    2) FOTO del fraticelloooo!!!

    RispondiElimina
  4. Non solo! Se c'è una cosa che mi manda in bestia è che, oltre a l'avere il neurone mancante, l'incapace - pur sapendo che tu sei l'unico/a in grado di risolvergli il problema - prima chiede ad altri a-neuronici come lui/lei e solo in ultima istanza e con aria supplichevole si rivolge a te, come se "vabbè l'abbiamo provate tutte, vediamo anche questo/a demente". Da sodomizzazione immediata e senza lubrificante, ecco.

    RispondiElimina
  5. LE PULCI D'ACQUA esistono, cogliere la prima mela è difficile !

    RispondiElimina
  6. Dico solo che il nostro server ha esalato per la terza volta in un anno circa... e avercela una scodella da fraticello al posto di sto cespuglio informe che mi ritrovo io! Ecco.

    RispondiElimina
  7. Credo che esistano, perché son stato pizzicato e non erano meduse... credo anche che siano più intelligenti di molti nostri simili, ma questo è fin troppo banale e facile da dire... :D
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. @Silas: il Medioevo è una delle epoche che, stranamente, m'affascina di più. MA che ansia quel libro!

    @Paolo: :P

    @Dantès: 1) bimbetti rimasti traumatizzati eternamente! 2) :P

    @JohnnyBoy: io non mi ci metto a sodomizzare certa gente che ho paura del contagio!

    @giardigno: per far prima, io le vado a comprare alla fiera dell'Est!

    @luciSSima: noi il server l'abbiamo, ma non ci fidiamo! E la scodella se poi me la rendi piena di vin brulè te la presto volentieri!

    @ZioScriba: urca! pungono?! e urtica? ed eri al mare o al lago? e ..ok, la pianto. :)

    RispondiElimina