martedì 25 gennaio 2011

Folies a La Valleè (sottotitolo: anche i boss nel loro piccolo si incazzano)

Tu rientri dalla pausa pranzo.
Tu pensi che in un'ora e mezza d'assenza non possa essere accaduto nulla di particolare. Oddio, volendo avrebbe potuto, ma in tal caso ti avrebbero chiamato sul cellulare, pensi tu.
E pensi male.
Non passa mezz'ora che entra Misery, con due occhialoni a fondo di bottiglia che manco io in seconda media. Tu, per quanto perplessa, la saluti. Tsk! illusa. Zero risposta. Stacchetta fino alla sua postazione, apre un cassetto, lo richiude, e se ne va. Il tutto in religioso silenzio.
E tu ti domandi se hai avuto un'allucinazione o se il paninozzo era indigestibile causando uno svarione neurologico alla tua personcina.
Ma non fai in tempo a darti una degna risposta che ti richiama all'ordine il boss.
- Charlie, portami tutti gli originali che devo ancora firmare.
* Boss, 'scolti, son tanti neh. 
- Ma io li voglio a vista! Così so quanti me ne rimangono.
* Ok, però non me li scompagini!
- No, tu poggiali qui sulla seggiola.
Vado in archivio, tiro fuori ben otto dicasi otto faldoni di originali. Peso lordo sui tre chili l'uno.
Appoggio i primi quattro sulla seggiola e mentre rientro con gli altri quattro
- Charlie, ma perchè li metti lì che sono in bilico? Mettili là di fronte, sulla scrivania!
Coi quattro ancora fra le braccia, piroetto su me stessa e li scatafascio sulla scrivania, poi torno alla seggiola e prendo i quattro rimasti e riarranco alla scrivania. Poi, con le spalle rivolte al boss, li impilo in ordine dal più recente al più vecchio, in due file ordinate.
E sì, mai volgere le spalle al nemico.
- Charlie, ma quelli son tutti quelli che mi rimangono?
* Mancano quelli da novembre.
- Ma tutti quelli di quest'anno?
* Dell'anno scorso.
- Come dell'anno scorso?
* Beh, da aprile 2010.
- Ah, ma in che anno siamo?
* ...
Mi son rigirata mesta, ho ricontrollato i faldoni e stavo giusto levando le tende quando.
- TU! Tu tu tu! torna qui!
* Dice a me?
- Sì! Tu, tu quand'è che stai a casa?
* Sc..sc..scusi?
- In settimana, quando sei a casa?
* Beh, quand..
- Ecco, non mi interessa! Ma firma qui!
* Cosa?
- Tu firma! Tu firma! E se devi stare a casa un altro giorno devi dirlo a ME, capito? A me!
* Ok. Firmo (praticamente un foglio contenente gli orari settimanali di tutti noi).
Son sulla porta quando sento che citofona a Bradipo, chiedendole di parlare con ColeiCheNonMiParlavaPiùMaOraSìPerchèNonSaUsareIlPcEdIoSì.
Apriti cielo! ColeiEtcEtc. è già andata a casa (ore: 15,30) e che domani sarà assente. 
Un urlo belluino scuote vetrate nel raggio di un centinaio di metri.
- BASTA DOVETE FINIRLA CON STA BALDORIA. 
Ussignùr, mò le piglia un colpo, ha pur sempre settan..
- SE NE PESCO UN'ALTRA CHE FA LU CAZZU CHE VUOLE MI IMBUFALISCO!

6 commenti:

  1. Ma il Boss non è lombarda d.o.c.?

    RispondiElimina
  2. Mi sembrano le storie del mio fidanzato... Gli studi mi sa che sono tutti uguali... :(

    RispondiElimina
  3. Uhm.
    Ho perso il filo.
    Insomma: quand'è che stai a casa?

    RispondiElimina
  4. @Paolo: le origini son dal Regno delle due Sicilie!

    @PRxT: eh, pora stela d'un moroso! Sii comprensiva! :)

    @Silas: ma che bimbo distratto che sei!!! Lunedì e venerdì mattina! :P

    RispondiElimina
  5. no, il ven mattina no! significa che il pomeriggio devi andare? ti si rovina il week! Aldabrasloggata

    RispondiElimina
  6. Esatto Alda! Io avevo scelto il venerdì pomeriggio MA lui! LUI, BretelleCascanti, mi ha imposto di star a casa di mattina, chè lui arriva alle 11, avrebbe avuto poco tempo per rifilarmi lavori agri. :(

    RispondiElimina