domenica 15 maggio 2011

Ma le comunioni quanto son noiose?
Sia quando si era ottenni (ora han diec'anni, ma son quasi certa che io ne avevo otto) e non si voleva indossare quel dannatissimo abituzzo bianco, col velo per giunta, e pioveva che ti inzaccheravi tutta e la mamma ti voleva pure mettere il golfino fatto a mano, ed in chiesa ti scappava da ridere e pure quel che avevi da fare, ed il dolce arrivava sempre quando eri strapiena e strapresa a giocare a nascondino. 
Sia quando si è invitati. Una mandria infinita di parenti impaludati, imparruccati, imbellettati, una mandria scalpitante di mocciosi di svariate dimensioni età e lagnazioni, una mandria devastante di mamme nonne zie che Non urlare! Non correre! Non mangiare troppo! Non sudare! Non muoverti!
Sia quando disturbano il sacro rito della domenica mattina al bar con cappuccino e giornale gossipparo.

4 commenti:

  1. soprattutto il sacro rito del cappuccino al bar.... per non parlare delle classiche domande, ma sei fidanzata? ma non hai intenzione di sposarti? alla tua età ancora single?.... Sono feste da abolire, che dovrebbero finire all'uscita della chiesa. baciottoli volanti.. :)

    RispondiElimina
  2. Ah beh ormai son diventata finto.sorda alle domande di prassi sul zitellaggio! ;)

    RispondiElimina
  3. Dalle mie origini il rito era cappuccino (dolcissimo) e focaccia (salatissima).
    La seconda pucciata avidamente nel primo...

    ...e chi storce il naso è perché non l'ha mai provato.


    A parte questo: non ho la comunione né mai fatto catechismo... certe noie me le sono evitate ;)

    RispondiElimina
  4. Uh! Ordunque sei genovese! Slurp!

    RispondiElimina